Trekking biblico in Galilea

da Nazaret a Cafarnao

Una guida in 11 tappe a piedi sulla via di Gesù

attraverso la Galilea, con percorsi a Gerusalemme e Betlemme

home  »  News  »  Papa Francesco in Terra Santa

Papa Francesco in Terra Santa

L’invito del pontefice a ospitare i leader israeliano e palestinese in Vaticano è un primo segno di “successo” del viaggio in Terra Santa. L’incontro che si terrà forse in giugno sarà un incontro “di preghiera”. Papa Francesco crede alla forza dell’invocazione: per abbattere muri, per affrettare la venuta della giustizia, per rendere reale il “sogno” di due Stati sicuri e amici. L’unità dei cristiani – realizzata con la preghiera e il dono di sé – dà speranza al mondo. Per questo, il centro del viaggio non è stato la politica, ma l’abbraccio fra Francesco e Bartolomeo.

Roma (AsiaNews) – Papa Francesco è già ritornato dal suo viaggio in Terra Santa, ma le immagini e i gesti da lui compiuti sono dei semi che potranno dare frutto nel tempo.

Già l’invito che Francesco ha rivolto a Shimon Peres e a Mahmoud Abbas, di ospitarli “a casa sua” in Vaticano per un incontro di preghiera per la pace fra Israele e Palestina è una pietra miliare in questo pellegrinaggio. E il fatto che il presidente israeliano e il suo omologo dell’Autorità palestinese abbiano subito accettato suggerisce già di una goccia di successo insperato per questo viaggio.

Gli esperti di politica potrebbero ridere di questo invito: la preghiera per la pace fra Israele e Palestina? Dopo tante preghiere del passato? E dopo tutti i fallimenti dei dialoghi politici, voluti da personalità molto più potenti di Francesco, i vari Clinton, Bush, Obama? Su quale base razionale si può sperare nella ripresa del dialogo mentre ogni giorno si accumulano ostacoli da una parte e dall’altra, mentre Israele moltiplica le colonie nei territori occupati e a Gerusalemme est, e mentre nessun palestinese accenna a voler garantire la sicurezza di Israele?

Il papa ha detto che l’idea di due Stati, Israele e Palestina, non deve rimanere un sogno, ma diventare una realtà. Ma in molti si chiedono se non è proprio la speranza di pace ad essere il sogno vano e impossibile e che ormai bisogna accontentarsi soltanto di brevi tregue e di temporanei cessate-il-fuoco prima che l’incendio della guerra divampi nella regione già così infuocata.

Insomma, il valore “politico” della preghiera appare davvero minimo.

Eppure due immagini delle tante si stampano nel cuore e nella mente: la carezza e la preghiera che papa Francesco ha fatto toccando due muri: quello “del pianto” (il Muro occidentale del tempio) e quello che divide Betlemme da Gerusalemme, il cosiddetto “muro della vergogna”. Il pontefice si è avvicinato al primo e dopo averlo accarezzato in silenzio, ha infilato la preghiera del Padre Nostro fra le fessura delle pietre antiche, vicino al cuore del Santo dei santi. Anche a Betlemme è avvenuto lo stesso: con un gesto improvviso e fuori programma, il papa si è avvicinato alla barriera vicina alla Tomba di Rachele e ha accarezzato quel muro che provoca tante divisioni, morti e umiliazioni fra i palestinesi e gli israeliani. In entrambi i casi, la mano che accarezzava attendeva la venuta del Messia, l’Unico che può portare la pace. Allo stesso tempo, quella mano spingeva perché questa venuta si affrettasse. Il valore “politico” della preghiera è tutto qui: nel lasciare a Dio lo spazio per agire e nell’essere davvero coinvolti con quanto si domanda. In tal modo, l’uomo che chiede diviene il primo segno che l’invocazione si sta realizzando, a partire dal proprio cuore.

Sta qui anche la forza dell’invito del papa ai due presidenti, di accoglierli in “casa sua”: offrire la propria casa significa mettere a disposizione se stessi, il proprio tempo, la propria vita per generare nell’altro la stessa disponibilità. Tutto questo è un giudizio sul modo in cui sono stati condotti i dialoghi “politici” fra Israele e Palestina fino ad ora: dicendo a parole una cosa e facendone un’altra alle spalle, consumando la fiducia reciproca, fino a giungere alla paralisi e alla cancrena dei nostri giorni.

La preghiera del papa – e lo ha ripetuto in molti discorsi – dice che la pace è possibile a condizione di coinvolgersi in modo completo, di giocare la vita e non solo il progetto politico finalizzato alla propria vittoria. Solo a questa condizione la paralisi e la cancrena – a cui sembra destinata ormai tutta la politica internazionale – potranno guarire: riconoscendo che il Dio di tutti – musulmani, ebrei, cristiani – verrà e implicandosi nell’affrettare la sua venuta.

In questo lavoro è fondamentale l’unione dei cristiani. Il centro di questo pellegrinaggio è stato l’abbraccio fra Francesco e Bartolomeo, fra la Chiesa d’occidente e d’oriente. Anche qui vi sono tanti “muri” posti da quella o quell’altra confessione, prima fra tutti la Chiesa ortodossa russa. Qualcuno potrebbe dire che l’incontro al Santo Sepolcro fra i successori di Pietro e Andrea sia stato un intermezzo spirituale fra tanti gesti “politici”. In realtà al sepolcro è avvenuto lo spostamento, la caduta del primo e più importante muro, quello della morte. Come ha dichiarato Bartolomeo, l’amore scaccia ogni timore e i cristiani che si amano diventano “un esempio per il mondo intero”. Gli ha fatto eco papa Francesco: “Non lasciamoci rubare il fondamento della nostra speranza! Non priviamo il mondo del lieto annuncio della Risurrezione!”.

fonte: asianews.it

Community
Hai fatto il trekking? Inviaci la tua testimonianza
e le tue foto!
continua.....
Andare pellegrini in Terra Santa prendendosi il tempo di camminare un passo dopo l'altro nella stessa geografia che ..
Elena R.
Tutto è andato benissimo, senza nessun problema. Anche il gruppo era molto buono con persone d’età diversa ma molto ..
Zeferino
Il trekking è stata una splendida esperienza da suggerire e consigliare a tutti quelli che lo possono ..
Roberta
Trekking bellissimo, lo abbiamo fatto in gruppo a maggio, stagione stupenda, la Galilea è molto bella, tranquilla e ..
Marta e Silvio
Ho fatto trekking più volte, montagna alte vie, cammino di santiago, ecc.. mi interessano molto proposte di ..
Pietro C.
Il percorso sembra molto interessante, intanto ho già ordinato il libro. Mi piacerebbe fare il percorso a piedi questa ..
Adele
Una guida completa e dettagliata, anche per chi non farà il trekking ma ama la Terra Santa e vuole approfondirne la ..
Mario
Seguici su..

Iscriviti alla nostra Newsletter